La nostra comunicazione: il blog di spazio/parola

#spazioaimigliori

Home Category: Italserramenti

Archivi

La villa di gusto shabby chic

Cusano Milanino è un piccolo centro della Brianza composto da due realtà Cusano, a impronta più operaia, e Milanino, zona residenziale realizzata tra il 1909 ed il 1912 che venne chiamata anche la Città Giardino e nacque in risposta all’emergenza casa che coinvolgeva Milano ed il suo hinterland nei primi anni del ‘900.

Ispirata alle Garden City inglesi dell’epoca, Milanino nacque per opera dell’Unione Cooperativa e del suo presidente, Luigi Buffoli. Con alla base il concetto solidale e cooperativo di una casa per tutti a costi accessibili si realizza in un progetto unitario di un quartiere coi vantaggi della vicinanza alle città ma non tralasciando i piaceri della campagna come spazio, riposo e tranquillità, contatto con la natura. “…in cui ognuno possa avere la sua casetta, semplice ma pulita, fiancheggiata da un giardinetto, in cui gli sia permesso di respirare liberamente qualche ora all’aria libera, in mezzo al verde ed ai fiori, la sera, dopo uscito dall’ufficio o dall’officina” [come descrive una pubblicità di Milanino del 1912].

Proprio in questa zona si concentrano anche le numerose ville ora sottoposte all’attenzione della Sopraintendenza. Fra queste ecco quella perfettamente resa confortevole da una sapiente intervento di ristrutturazione seguito dal geom. Massimo De Lutis dell’Impresa ADL di Paderno Dugnano.

Il ruolo dei serramenti

A seguire quest’intervento per la parte dei serramenti è stato Fabrizio Parolini, agente di Italserramenti a cui è stato chiesto da committente e impresa di utilizzare finestre in legno di sapore “shabby chic”. La scelta si è perciò orientata verso il serramento in legno Bach 78 di Italserramenti caratterizzato, in questa circostanza, dalla presenza di inglesine.

Bach 78 di Italserramenti, un serramento che presenta un i profili e le modanature sagomate, utilizzati proprio negli interventi di recupero edilizio in centri storici come questo, sono resi pezzi unici dall’inserimento dei traversini come elemento stilistico architettonico.

Bach 78 (con profondità del profilo di 78 mm) permette di realizzare finestre in legno duro con trasmittanza termica (con adeguata vetrazione) Uw = 1,1 W/m2K, mentre per le portefinestre l’Uw arriva fino a 1,0 W/m2K.

La soluzione dell’inglesina (Georgian Windows) ovvero la presenza della caratteristica griglia che richiama gli stili tradizionalmente più diffusi nel Nord Europa e negli Stati Uniti, rende le finestre eleganti e conferisce alla facciata dell’edificio un carattere dal sapore unico.

Questo “stile Inglese” ovvero il mantenimento delle partizioni delle finestre e l’effetto decorativo viene utilizzato per porte e finestre sia per le nuove costruzioni realizzate “in stile” sia per il ripristino tipologico degli edifici così come richiesto dai Regolamenti Urbanistici Edilizi comunali.

Lo stile nel contempo classico e nel contempo “chic” degli arredi di questa splendida villa viene perfettamente “sposato” e fino impreziosito dall’impiego dei nuovi serramenti.

La grande cucina, ad esempio, in stile classico, ma con immancabili dettagli moderni, viene investita dalla luce del sole grazie alle due grandi porte finestre, appena nascoste dai tendaggi leggerissimi che creano un effetto quasi contrario: invece di schermare la luce, sembra quasi vogliano indurla ad entrare e a posarsi sugli oggetti di arredo.

Anche nella sala, la raffinatezza dei serramenti si sposa egregiamente con l’elegante contrasto del pianoforte scuro e brilla sullo straordinario parquet artistico disposto a mosaico, nascondendo ma, allo stesso tempo, rivelando l’incanto verde su cui affaccia lo stabile.

L’alzante scorrevole con anta fissa di cui è visibile solo il vetro, grazie alla scomparsa del telaio nel muro, si eleva a cornice e regala la vista dell’elegante patio affacciato sul parco a perdita d’occhio che circonda la villa. Il telaio dalle forme moderne e minimali consente la massima luminosità, mantenendo ottime capacità di isolamento termico e acustico: perfetto equilibrio tra comfort interno e visione esterna.

Chi è Italserramenti

Innovazione e tecnologia che si fondono con la tradizione del serramento italiano di qualità sono alla base dell’operato dell’azienda di Chiari (BS) che dal 1998 in uno stabilimento che si estende su 7500 metri quadrati produce, con tecnologie innovative, ogni anno circa 15mila serramenti. Un’impresa giovane e dinamica che è rapidamente cresciuta fino a diventare oggi una delle cinque maggiori aziende produttrici di serramenti in legno in Italia. Merito di uno spirito innovatore che trae la sua origine dalle radici tradizionali del mondo del legno ma che ha condotto al passaggio rapido alla produzione di serramenti in legno-alluminio e legno-vetro e tutto vetro e che nell’ultimo periodo ha scelto di guardare al mondo del serramento con occhi diversi.

Scarica il comunicato in formato PDF

Continue Reading

Italserramenti – La villa Liberty a Como: il serramento espressione della rinascita

Serramenti in legno di raffinata fattura per integrarsi in una riqualificazione di una splendida villa comasca espressione del Liberty lariano.

Il Lago di Como in una stagione, che possiamo definire relativamente breve, della durata di circa trenta anni a cavallo della fine dell’Ottocento e dei primi venti anni del Novecento, vede realizzarsi dal punto di vista architettonico ville e alberghi con forme rappresentative dei molteplici aspetti di uno stesso volto, quello del Liberty. Un fenomeno che comporta soluzioni progettuali eclettiche derivanti dal benessere economico di quegli anni che conduce alla voglia del bello. Se Brunate, il piccolo centro sopra Como, ne è l’esempio più vistoso, questa espressione architettonica coinvolge tutte le sponde del Lago. Non fa eccezione questa splendida villa comasca situata in posizione strategica per poter ammirare il panorama. Una soluzione resa ancora più piacevole dalla bella loggia-veranda che permette di godere del Lago stando comodamente seduti nel grande soggiorno grazie alla componente ampliamente vetrata.

Una residenza privata che posta sotto i vincoli della Soprintendenza è stata resa moderna e contemporanea all’interno grazie al sapiente intervento dello studio di progettazione Nicolò Aliverti Ingegnere di Como.

Una trasformazione che vede 43 serramenti in legno laccati bianco di Italserramenti integrarsi perfettamente grazie alle loro linee tradizionali nell’atmosfera Liberty della Villa.

Sono stati utilizzate finestre Bach 78 caratterizzate da profili e modanature sagomate, dal gusto classico, particolarmente indicate per gli interventi in centri storici o di recupero edilizio. Sono in legno laccato con traversini riportati con aperture a battente, porte-finestre, elementi fissi e anche una soluzione a bilico orizzontale.

Per la chiusura della veranda in particolare sono stati realizzati su misura serramenti di grandi dimensioni e caratterizzati nella parte superiore da una particolare sagomatura sugli spigoli che segue l’andamento della muratura. te

Vi si trova una vetrata fissa di 3580 x 3210 mm, una portafinestra con sopraluce di 2100 x 3210 mm e una finestra a due ante apribile con sopra e sottoluce di 2100 x 3210 mm. I vetri utilizzati sono tripli vetri (composti da 44.2 ac /12 gas/4/12 gas/ 33.1 basso emissivo con canalina warm-edge) per una trasmittanza termica Ug di 0,8/m2K. Il valore della trasmittanza termica dei serramenti forniti per la villa lariana è compreso tra Uw 0,9 W/m2K e 1,2 W/m2K.

Bach è un serramento in legno disponibile in tre spessori 68, 78, 90 con Uw fino a 1.0 e ottime prestazioni di tenuta.

Per rispettare i vincoli imposti sono state mantenute le persiane esterne, che sono state sostituite con 32 nuove persiane in legno con soluzioni Italserramenti a profilo Storico e con apertura motorizzata con bracci e motorizzazione incassata nella veletta (automazione modello S/A di Ancelotti).

Anche in questo caso è stata realizzata una soluzione estetica che rispetta appieno la sagoma della persiana precedentemente installata. Qui il colore è stato mantenuto in contrasto con l’intonacatura esterna in colore panna ed è una variante delicata del grigio opaco.

Spiccano in questa realizzazione l’accurata ricostruzione storica, la delicatezza delle ringhiere in ferro battuto su balconi sottili e la straordinaria vista mozzafiato della veranda vetrata.

Anche in questa ristrutturazione viene dimostrata la grande capacità di Italserramenti di offrire un servizio su misura, Taylor Made, con qualità artigianale e tecnologie avanzate

Chi è Italserramenti

Innovazione e tecnologia che si fondono con la tradizione del serramento italiano di qualità sono alla base dell’operato dell’azienda di Chiari (BS) che dal 1998 in uno stabilimento che si estende su 7500 metri quadrati produce, con tecnologie innovative, ogni anno circa 15mila serramenti. Un’impresa giovane e dinamica che è rapidamente cresciuta fino a diventare oggi una delle cinque maggiori aziende produttrici di serramenti in legno in Italia. Merito di uno spirito innovatore che trae la sua origine dalle radici tradizionali del mondo del legno ma che ha condotto al passaggio rapido alla produzione di serramenti in legno-alluminio e legno-vetro e tutto vetro e che nell’ultimo periodo ha scelto di guardare al mondo del serramento con occhi diversi.

Scarica il comunicato in formato PDF

Continue Reading

Un importante esempio di riqualificazione di aree dismesse è quella dell’ex Enel a Bergamo, ora traformato dalle sapienti mani dello studio Antonio Citterio Patricia Viel and Partners in un complesso di edifici residenziale. Un’area rigenerata che ha visto la partecipazione di Italserramenti che per l’occasione ha progettato una finestra dalle caratteristiche peculiari.

La sfida dei prossimi anni per l’architettura e l’edilizia si chiama “rigenerazione urbana” con l’obbiettivo di ridurre il consumo del suolo e riqualificare aree urbane con fabbricati spesso caratterizzati da scarsa qualità architettonica e costruttiva. Le aree dismesse rappresentano un passaggio del più generale tema della rigenerazione urbana che in Italia ha una storia di ormai oltre cinquant’anni.

Uno splendido esempio di riqualificazione di un’area dismessa nei pressi del centro di Bergamo è rappresentato dalla Residenze Bergamo+ del Parco Locatelli che hanno preso il posto di un complesso di edifici appartenuti inizialmente alla Società Elettrica Bergamasca e poi all’Enel.

Note storiche

L’area oggetto dell’intervento di riqualificazione edilizia è situato ai bordi di Borgo San Lorenzo nei pressi del centro della città di Bergamo. L’area era occupata da una serie di edifici realizzati negli anni 60 sulla demolizione di edifici preesistenti datati 1910-1912.

Ora, dopo un lungo periodo di tempo trascorso tra l’inizio della progettazione e l’effettiva realizzazione, l’area compresa tra via Nullo e via Mazzini è diventata un nuovissimo complesso residenziale. A ricordare quegli anni lontani è rimasto l’edificio visibile ancora oggi passando da via Mazzini: lo realizzò l’architetto Luigi Bergonzo. Un pezzo di storia di un quartiere che è cambiato radicalmente senza dimenticare del tutto il suo passato.

Ora nell’area ci sono 120 alloggi per 18400 mq di superficie distribuita in cinque corpi di fabbrica per un’altezza massima di 7 piani fuori terra. Altri 1300 mq di superficie sono adibiti ad uffici e sono ricavati nell’edificio storico. Il progetto che si deve alla sapiente mano dello Studio di Antonio Citterio Patricia Viel and Partners, ha stile, eleganza e nel contempo assume una connotazione minimale. L’insieme degli edifici è una sorta di corte spezzata arretrata dal filo stradale come ha sottolineare la presenza del Parco Locatelli e il risultato è un insieme di edifici, spazi verdi e una piazza. Una grande architettura che offre loft, appartamenti e uffici di varie metrature, dotati di giardini, logge o terrazze, affacciati sulla Città Alta e sul Parco Locatelli. Le facciate, grazie alle eleganti logge e ai fronti sfaccettati, conferiscono all’intero complesso un nuovo senso di naturalezza e leggiadria.

I prospetti urbani sulle vie Nullo e Mazzini presentano un trattamento architettonico molto regolare sulla via Nullo con la presenza costante di Schermi oscuranti esterni in legno a protezione delle logge e serramenti in legno scuro che si alternano ad un rivestimento lapideo grigio scuro in grande formato a realizzare una facciata ventilata.

Su via Mazzini la medesima scansione accoglie il riflesso dell’edificio in stile liberty recuperato anch’esso dall’intervento.

 

I serramenti? Una sfida

Italserramenti ha curato la progettazione e la realizzazione dei serramenti

“Un lavoro complesso – sottolinea Roberto Galli, amministratore unico di Italserramenti – perché il progetto sottopostoci dalla committenza e dall’architetto è stato elaborato affinché il risultato finale relativo ai serramenti fosse di livello pari all’intera opera realizzata e fosse, comunque, di grande valenza sia estetica che prestazionale”.

Le richieste sono state:

  • offrire la massima luce agli ambienti interni dell’edificio,
  • contenere il livello della rumorosità proveniente dall’esterno,
  • garantire alti livelli di sicurezza,
  • abbattere le dispersioni termiche,
  • evitare ogni spesa di manutenzione,
  • avere un design esclusivo.

Per soddisfare queste richieste Italserramenti ha progettato un serramento specifico ad elevate prestazioni denominato “Vivaldi Integrale in Tecnorovere” realizzato in rovere multilamellare con parte interna a mosaico.

La vetrazione è composta da un vetro isolante a doppia camera con trasmittanza termica Ug = 0,5 W/m2K con vetri di sicurezza e abbattimento acustico Rw di 43 dB.

“Abbiamo inserito i vetri a scalino – sottolinea Galli – incollati strutturalmente dalla parte esterna del serramento per ottenere una migliore statica e contemporaneamente evitare costi di manutenzione. Con il nostro design dalle linee minimali siamo certi di aver interpretato i desideri degli architetti e soprattutto di aver realizzato un prodotto di grande durabilità nel tempo”.

 

Identikit di progetto

Denominazione: Residenze Bergamo+

Progetto: Antonio Citterio Patricia Viel and Partners

Architetti: Antonio Citterio, Patricia Viel

Capoprogetto: Joseph Monteleone

Collaboratori Revit: Roger Colombo, Fabrizio Ferranti, Elena Oggioni, Angelica Palandri, Adolfo Positano, Daniele Raimondi, Paolo Emilio Serra

Consulenti: Tekne Spa Ing. Saverio Valicenti, Arch. Pietro Valicenti , Dott. Paolo Grimaldi

Committente: Immobiliare Parco Locatelli srl

Serramenti: Italserramenti Vivaldi Integrale Tecnorovere

Lo Studio Antonio Citterio Patrizia Viel and Partners

Rappresenta l’essenza del design italiano nella sua versione più contemporanea. Ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti ed è stato inserito nella collezione permanente del MoMA di New York e del Beaubourg di Parigi. Ovunque il suo stile, elegante e minimale, è caratterizzato da quel gusto per l’eccellenza e quell’attenzione alla qualità della vita che oggi contraddistinguono anche il progetto Bergamo+.

 

Nota tecnica

Serramenti in legno-vetro Vivaldi Integrale

Basato sul serramento in legno/alluminio Vivaldi con profilo squadrato per legni laccati, mordenzati, tecnorovere, tecnorovere vissuto e con profili uni-one per finiture silk, e caratterizzato dall’applicazione di un vetro strutturale a scalino dalla parte esterna del battente al posto dell’alluminio. Il vetro in Bergamo+ è a doppia camera.

Serramento dalla linea moderna senza fermavetro che non richiede nessuna manutenzione. Il vetro a scalino è incollato strutturalmente, in modo da conferire maggiore rigidità e tenuta al battente, rendendo il serramento adatto per aperture di ampie dimensioni. La trasmittanza termica arriva fino a Uw 1,0 W/m2K. La permeabilità all’aria è in classe 4, la tenuta all’acqua E6A (portafinestra), la resistenza al vento in classe C3. La sezione del serramento è di 78 mm

 

Scarica il comunicato in formato PDF

Continue Reading

Ghost, la finestra tutto vetro di Italserramenti. Straordinarie prestazioni unite ad un’estetica minimale e di tendenza capace di offrire la massima trasparenza e luminosità.

Ghost. Come non pensare al film* degli anni 90 che vinse due oscar e ottenne un clamoroso successo di pubblico. Ghost come “Fantasma”. Come qualcosa che c’è ma non si può vedere. Ghost può significare anche “Anima”, e proprio come anima lo si vuol intendere nel serramento straordinario messo a punto da Italserramenti.

Ghost, l’anima del serramento, in cui la cornice che scompare e resta in vista solo l’anima: il vetro. Il risultato è uno spettacolo di visibilità e trasparenza, una finestra senza cornice, solo vetro che lascia entrare una grande quantità di luce. Ed è quello che si richiede ad una finestra assieme con la capacità di tener fuori il freddo e il rumore.

Ghost nasce per rispondere a tutto questo.

Cuore tecnologico

Dal punto di vista tecnico scompare il profilo battente in legno che resta invisibile coperta della cornice serigrafata bianca del vetro e resta solo una lastra aerea e trasparente che esce dalla parete senza interferire con l’estetica del contesto. il battente del serramento Ghost è ottenuto infatti unicamente da due facciate di vetro basso emissivo con cerniere a scomparsa di serie e maniglia applicata direttamente alla lastra di vetro interna. L’utilizzo dell’incollaggio strutturale del vetro con colle particolari garantisce solidità e performances.

Ghost può essere posato ad un telaio murato (Ghost Luce rasomuro) o a un controtelaio nascosto nella parete. Il risultato è una finestra dalle linee minimali, dal design accattivante che è in grado di offrire prestazioni davvero importanti con una trasmittanza termica Uw fino a 1,1 W/m2K. La finestra a due ante con sezione da 68 mm è in Classe 4 per la permeabilità all’aria, Classe E1500 per la tenuta all’acqua e Classe C5 per la resistenza al vento.

Ghost è anche disponibile per realizzare alzanti scorrevoli ad angolo col risultato di garantire all’abitazione una visione del tutto nuova e con una profondità assoluta.

Il vetro interno ed esterno è disponibile con serigrafatura in vari colori RAL, il distanziatore dei vetri isolanti può essere a bordo caldo o in alluminio, il vetro è basso emissivo antiacustico a doppia camera con gas Argon. Va segnalata la non presenza della cornice fermavetro, mentre una guarnizione acustica è posizionata sull’anta mobile.

Italserramenti – Chi siamo

Italserramenti ha 18 anni di vita ma può contare sull’esperienza trentennale del suo titolare Roberto Galli che nel 1998 acquistò una piccola falegnameria a Chiari nel Bresciano. Un’impresa giovane e dinamica che è rapidamente cresciuta fino a diventare oggi una delle cinque maggiori aziende produttrici di serramenti in legno in Italia e che guarda verso il mondo. Merito di uno spirito innovatore che trae la sua origine dalle radici tradizionali del mondo del legno ma che ha condotto al passaggio rapido alla produzione di serramenti in legno-alluminio e legno-vetro e tutto vetro. Con uno stabilimento che si estende su 7500 metri quadrati Italserramenti produce con tecnologie innovative ogni anno circa 15mila serramenti. Ha tre show room di proprietà: uno all’interno dello stabilimento di Chiari (BS), il secondo a San Zeno sul Naviglio alle porte di Brescia mentre il terzo è a Roma. I clienti sono principalmente imprese di costruzione, società immobiliari, progettisti e, naturalmente, clienti privati.

La produzione del serramento in Italserramenti è data dalla combinazione perfetta di capacità gestionale, ingegneristica e manuale si tutto il team e dalla qualità e capacità produttiva di impianti. La produzione è realizzata completamente in-house, all’interno dell’azienda, a cominciare dalla troncatura del legno per arrivare alla sua verniciatura. Anche la vetrazione nei serramenti in legno è eseguita internamente con impianti specifici che permettono un corretto posizionamento del vetro e una perfetta siliconatura eseguita con robot.

 

Scarica il comunicato in formato PDF

Continue Reading

Contattaci

Indirizzo

Via S. Pellico 1
35129, Padova - Italy

Contatti

E-mail: press@spazioparola.it
Tel: +39 049 7808091